Modulo Education
HOME   ▸  

Pizza Plantet - Alberto Quadrio - ADC 2017

3 ottobre 2017

Ingredienti per 10 persone
Per la massa
250 g farina 00
200 g uovo
180 g acqua
3 g bicarbonato
10 g zucchero
5 g sale
Per i pomodori
N 20 pomodori datterino di Pachino IGP
200 g basilico genovese DOP
300 ml olio extra vergine di oliva toscano IGP
300 ml olio di semi di girasole
Altri ingredienti
N 1 mozzarella di bufala campana DOP
1 l olio di semi di girasole
Procedimento
Per la massa
Mescolare tutti gli ingredienti solidi ed unire i liquidi. Con l’ausilio di una frusta miscelare bene.
Riempire un sifone con il composto e inserire tre cariche da panna. Conservare a temperatura positiva.
Per i pomodori
Unire i due oli ed il basilico in una busta sottovuoto. Cuocere per 5 ore a 58 gradi. Raffreddare.
Sbollentare i pomodorini e privarli della buccia. Disidratarli per 6 ore a 65 gradi in disidratatore. Reidratarli nell’olio estratto a 48 gradi per 45 minuti. Tagliare a metà.
Tagliare la mozzarella in cubi di 2x2. Ottenere 10 cubi.
Finitura
Scaldare l’olio a 160 gradi ed inserire un mestolo di 6 cm di diametro. Inserire la massa con il sifone nel mestolo fino a metà. Mettere 4 metà di pomodori ed un cubo di mozzarella in ogni sfera. Coprire con altra massa e terminare la cottura fino a doratura. Servire in un cartoccio di giornale.
CONCETTO
Volevo sottolineare il concetto dell’internazionalità della pizza: siamo conosciuti in tutto il mondo per la nostra cucina e la pizza è uno dei simboli più rappresentativi per cui siamo conosciuti. Non sempre però la sua tradizione e storia viene rispettata. Per questo motivo ho voluto valorizzare ogni singolo ingrediente nella mia reinterpretazione, frutto delle mie esperienze, creando una pizza globale.
Cosa significa pizza globale?
Ho voluto dare questa forma sferica alla mia pizza per sottolinearne la globalità. Viviamo in una civiltà frenetica, in continuo mutamento e multietnica, questa pizza rappresenta un easy food, un comfort food, facile da mangiare in ogni ambiente e situazione, e da riprodurre in ogni dove.
Da dove “Pizza Planet”?
Come il Pascoli ci insegna, in ognuno di noi è presente un fanciullino che si meraviglia di ogni piccola cosa proprio come fanno i bambini. Ho voluto rappresentare la pizza non come tutti la intendono, ma in una versione fritta, dando una mia visione, chiamandola “Pizza Planet” evocando il film di animazione Toy Story

waterplatecontest
Pubblicità © Copyright 2018 GIGA Publishing - Tutti i diritti riservati
GIGA Publishing - 20128 Milano - Via Teocrito, 47 - Tel +39 02 25 2071 - Fax +39 02 27000692
Privacy policy